venerdì 11 marzo 2016

Milano Moda Donna: Laura Biagiotti A/I 2016-17

 “Vibrante sintonia e profonda affinità: sono queste le parole con cui il fratello dell’Ultimo Imperatore, il calligrafo Pu Jie, ha descritto il nostro incontro nella tavoletta che mi ha dedicato quando, nella primavera del 1988, fui la prima della moda italiana a sfilare in Cina. L’ha dedicata a me con l’appellativo di Mister Laura, seguendo l’usanza di rivolgersi al maschile in segno di rispetto. Sintonia e affinità mi legano al Celeste Impero e alla più grande comunità di donne del pianeta a cui, pioneristicamente, ho rivelato l’incanto del Made in Italy.” Laura Biagiotti

La moda altri non è che una forma d’arte diffusa e l’inverno Biagiotti vuole elaborare una nuova identità estetica: saggezza confuciana e linguaggio contemporaneo per degli abiti intercalati con la stilizzazione di caratteri benauguranti. L’ideogramma della Collezione è proprio l’incontro tra culture che vuole determinare degli accostamenti inediti e vibranti tra forme e materiali, lavorazioni e dettagli. Niente è definitivo, la trasformazione è la quintessenza della moda.


Le linee passano da volumi romantici a grintose suggestioni che ci ricordano la divisa di Mao. E’ lo stile Mr. Laura che compenetra l’energia femminile, Yin, con quella maschile, Yang. Le stampe dialogano tra est e ovest. Centinaia di metri di frange in maglia fluttuanti che profilano pull, abiti e cappotti. File di borchie vengono intarsiate nel tessuto e nel tricot come armature Ming. I contrasti vanno a determinare una nuova sintonia: materiali scultorei come il mikado incontrano la leggerezza delle farfalle e dei fiori applicati, o vengono dipinti a mano con delle pennellate che riproducono il bambù, simbolo di eternità. Il dialogo delle stagioni fa convivere in passerella abiti plissettati con trame dense e lavorazioni double, i ricami alternano ideogrammi sul tulle seconda pelle a corpetti fitti con disegni imperiali.

La via della seta:

Laura Biagiotti evoca un viaggio tramite segni e simboli per abiti che donano benessere e felicità: motivi di longevità, dragoni imperiali, tigri bianche, fiori di loto, farfalle fantastiche, tralci della prosperità e personaggi leggendari.

La stampa-paesaggio nei toni del beige raffigura la minuziosa ricostruzione di scene quotidiane che si ispirano al rotolo di Suzhou, capolavoro della pittura Cinese del XVIII secolo, che descrive in maniera a dir poco sublime la vita dell’omonima città imperiale, la Venezia cinese. Gli abiti di seta hanno il collo-imperatrice, sono bordati di bottoncini e hanno alti spacchi che ondeggiano. La tunica si porta con i pantaloni stampati ed è anche intarsiata con il pizzo. Simboli e greche benauguranti definiscono il patchwork per cappotti in panno e tailleur di velluto indossati con impalpabili camicie di organza. Effetto trompe l’oeil per la fantasia con disegni e personaggi leggendari che rivisitano un antico kimono: i fili del ricamo sono stampati, i decori prendono energia nei toni del blu, verde e viola e si indossano con capi di maglia oversized dall’aspetto astrakan. Le rouches sono un dettaglio caratterizzante: si inerpicano sulle spalle dei cappotti, si sciolgono in fiocchi nella seta o profilano la maglia.

L’ Impero del cashmere:

Il viaggio del cashmere parte proprio dalla Cina, e Laura, definita dal New York Times la Regina del prezioso filato, lo trasforma in delle vere e proprie visioni inedite, enfatizzando i volumi, trattando il filo con inserti in rilievo, mescolando delle composizioni iridescenti e addirittura smagliandolo, con squarci che scoprono la pelle. Da materia grezza con heritage maschile il cashmere diventa la protagonista del guardaroba femminile che trova nel tricot l’ideogramma di una nuova eleganza, attuale e così seducente.

La composizioni di cashmere lavorato jacquard con dei caratteri confuciani che definiscono pull alati, cardigan asimmetrici e gonne lunghe. La maglia bouclè in mohair con un effetto puntinato di pulloni, miniabiti e cappotti che viene anche intarsiata con delle romantiche applicazioni floreali o ricamata con borchie degradè. Medaglioni che simboleggiano il cuore di Buddha decorano cappotti, cardigan e maxipull in mohair lavorato doppio. Fili d’oro che creano volumi nuovi con delle trecce, coste e applicazioni di frange mongolia per il cappotto armatura e il pull oversized. Composizioni di trecce sfumano in bande a tre colori nelle gradazioni del rosso e del blu.

La palette rivisita le cromie del Celeste Impero: rosso dominante, spesso in combinazione con il nero, gradazioni intense di blu, lampi di giallo mandarino, fuxia e viola, fondi neutri come la carta di riso. Il bianco Biagiotti è proprio la dimensione pura dell’energia, in cui gli elementi yin e yang si fondono completamente.

Gli occhiali hanno la forma sinuosa ad ali di farfalla, che vengono declinati in acetati dalla texture mossa, e lavorati con microborchie e rilievi che ricordano un ideogramma. Le calzature fanno convivere in passerella sandali-Mao e stivali decorati, ballerine imperiali con tronchetti urbani.

Per Maggiori Informazioni: www.laurabiagiotti.com

© Ph Studio Book Fashion - Dario Raimondi



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...